martedì 3 febbraio 2015

Fuoco: il cerchio si chiude.Ed io sono ancora qui.

Immagine da Pinterest.


Dopo Aria, Acqua e Terra non pensavo avrei chiuso il cerchio ad inizio anno. Se è possibile è, forse, solo per puro caso, ma sempre meglio che niente. Ho sperato per mesi di poter scrivere qualcosa di positivo sul mio blog. Qualcosa che mi facesse pensare "Ecco c'è l ho fatta anche stavolta. " , qualcosa che rispecchiasse davvero come mi sento adesso. 
Probabilmente stanca, anzi esausta ed avrei bisogno di dormire per ventiquattro ore filate. Probabilmente spaesata e confusa da vicissitudini incatenate l'una all' altra che mi hanno fatta capitolare e dire, gridare al mio unico Amore quello che di oscuro avevo nel cuore. Ed è stato forse il vedermi specchiata negli occhi di un perfetto estraneo che mi ha acceso di nuovo la fiammella, che poi è  diventata un fuoco ed infine una vampata inarrestabile. 
Un'amica mi ha detto :"Non vergognarti di ciò che sei. Il tuo corpo ti ha mandato un segnale: fermati,ascoltalo, accettalo."
Un'altra vampata mi ha scossa. E poi la mano di lui, che esausto un giorno mi ha detto  "Da solo non ce la faccio". È stato uno schiaffo in pieno viso, un riportarmi alla realtà  ed alla voglia di reagire. 
Se il mio fuoco si era spento sicuramente ne ero responsabile, poi il destino è gli eventi hanno avuto la loro parte ed hanno fatto sì che io non potessi più riemergere dal fango in cui mi ero cacciata. 
Ma quando alla fine di un percorso così lungo si riesce a riemergere di nuovo, cambia completamente la prospettiva che si ha degli altri,cambia e si modifica in egual misura il nostro pensiero riguardo alle sofferenze altrui. Il dolore degli altri per un po' diventa intollerabile, poi i sensi si anestetizzano e senti che sei pronta a fartelo scivolare addosso, pensando che se ce l'hai fatta tu piccola, impaurita e fragile tutti possono farcela. 
Forse è un pensiero egoistico ed autoprotettivo, ma è l'unico modo per poter continuare con la propria vita. Chi può biasimarmi? Chi può punirmi  adesso? Chi fermerà questo calduccio che sento di nuovo nel cuore e che mi fa sentire finalmente Adry ? 
Sono ammaccata certo. Sono cambiata e non so se questa nuova versione di Me mi calzi a pennello o se il nuovo abito a breve mi starà stretto.  So per certo che di strada ne ho percorsa molta in 35 anni, più di quanta ne fosse necessaria, e che risalire la china ogni santa volta è  stato estenuante. 
Quindi fin quando il fuoco continuerà a scoppiettare io sarò esattamente QUI ED ORA, a godermi gli anni più belli della mia vita e della mia famiglia senza aspettarmi niente di meno che serenità, felicità e voglia di vivere, circondata da amicizie vere ed affetti sinceri.

Adry.


2 commenti:

  1. Che bello leggerti, e sentirti così carica!

    RispondiElimina
  2. Grazie! E sì, sono carica abbestia! !!! Grazie Robin! Ti aggiungo di nuovo su tw!

    RispondiElimina

Tu porti il caffè, io mi fermo ad ascoltarti.