martedì 7 febbraio 2017

Non è mai troppo tardi per ricominciare.



Le pause, si sa, fanno sempre bene, ed io non avevo tempo ne idee da metter giù negli ultimi due anni.O meglio, avevo talmente tante cose da dire, ma così poco tempo, che il blog ad un certo punto è cominciato a sembrarmi "inutile". Quindi con in click ho chiuso baracca e burattini e mi sono dedicata a mio marito, le mie figlie, me stessa, gli amici, non sempre né necessariamente in questo ordine di importanza. Sempre il pensiero però tornava a queste pagine, così picchia e mena, da una settima circa, son qua che rimugino a cosa dovrei farne della mia povera e piccola creatura. Se non altro, penso che avrei dovuto portargli un poco più di rispetto e magari ogni tanto andarmi a rileggere i miei vecchi post. Spero che questa piccola creatura voglia perdonare la mia scarsa costanza e possa concedermi una seconda opportunità. 
Non so, potrei scrivere di libri, continuando qua e là recensioni personali su quello che leggo sul mio Kindle Pw; oppure raccontare le vicende di mamma e moglie; o ancora lasciare che in una sera qualunque i pensieri prendano il sopravvento e decidano che da qualche parte è giusto che sfiatino. 
Adesso però, scusami tanti piccola creatura webbesca, ma di pensieri personali ne ho talmente tanti e delicati, che non vorrei mai ammorbarti così pesantemente. 
Sappi solo che ieri è stato un lunedì nero; oggi un martedì grigio e che stasera se dio vuole, inizierà Sanremo, che sebbene se ne parli bene o se parli male, tutti ne parleranno e tutti saranno pronti a feisbuccare...twittare e linkare impressioni, critiche , risate. 
Io e il Principino, invece ci collegheremo già alla fine del Tg1 e faremo a gara a prendere il posto migliore sul divano. 
Peccato. Proprio stasera avrei potuto fare i frati. 
Vediamo se in settimana recupero!

Nessun commento:

Posta un commento

Tu porti il caffè, io mi fermo ad ascoltarti.